Comprensorio V. si parte. Grieco: “Vogliamo riprenderci l’Eccellenza”

Uno dei tanti festeggiamenti dei campani
Uno dei tanti festeggiamenti dei campani
- 29638 letture

Ci fosse un oscar da assegnare alla squadra che si è maggiormente distinta nella scorsa stagione, il Comprensorio Vairanese, lo meriterebbe senza dubbio. I gialloverdi hanno vinto tutto quello che c’era da vincere, Campionato, Molise Cup e Supercoppa. Una stagione trionfale che, in parte, ha riscattato lo smacco della mancata iscrizione al campionato di Eccellenza. A Vairano, pero, sono abituati a guardare avanti con orgoglio e con un solo obiettivo, riprendersi quello che “burocraticamente ci è stato tolto”. Domani, alle 16.00 il “Cantelmo” riapre i battenti. L’allenatore Achille Grieco e il preparatore atletico Giovanni Zanfagna accoglieranno i protagonisti della nuova stagione per mettersi subito al lavoro e arrivare in forma per le prime gare ufficiali.

Alla vigilia del raduno ha parlato l’allenatore Achille Grieco che svela programmi e ambizioni della stagione. Dalle sue parole traspare ancora il rammarico per l’Eccellenza negata lo scorso anno.  Queste le sue parole: "Il nostro è un gruppo molto unito, con molti dei miei calciatori siamo insieme da anni, il gruppo quest’anno sarà arricchito da molti giovani, ma è dal gruppo dei calciatori esperti che deve arrivare la spinta giusta non dico per ripetere la passata stagione che è umanamente impossibile ripetere ma per poterci prendere sul campo quella categoria che burocraticamente ci è stata tolta alcuni anni fa. Questa- continua Grieco - è una delle tante motivazioni che ci spingeranno a fare bene anche nella prossima stagione. Il primo obiettivo stagionale sarà passare il primo turno di Coppa Italia, nonostante siamo capitati in uno dei gironi più tosti. Poi come ho già detto sarà quello di riuscire ad arrivare in Eccellenza, anche attraverso eventuali play-off. Per raggiungere quest’obiettivo è importante capire che in un gruppo non esistono obiettivi personali, e che se c’è unità di intendi, si rema tutti dalla stessa direzione, nulla è precluso. Poi il resto lo dirà il campo. Noi, - conclude - siamo pronti a questa nuova stimolante sfida ".

Celestino Ieronimo