Calciomercato in tempo reale

CLAMOROSO IN PRIMA CAT: il Volturino annuncia il ritiro. Il comunicato

Il Volturino si ritira
Il Volturino si ritira
- 22016 letture

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell’ASD Volturino, a firma del Presidente, Domenico Tartaglia, che annuncia il ritiro dal campionato di Prima Categoria della compagine gialloblù, dopo quanto successo domenica scorsa durante la gara contro il Mirabello Calcio, persa 2-3. La squadra, domani, non raggiungerà Colletorto dove è in programma il recupero contro l'Angioina, la conferma ci arriva da un dirigente che abbiamo contattato in questi minuti. Questo il comunicato integrale:

Ora basta, siamo stufi, ci fermiamo qua e togliamo il disturbo. Dopo l'ennesima “truffa“ arbitrale, perpetrata ai nostri danni la scorsa domenica, diciamo basta, perché non ci riconosciamo più in questo modo di fare calcio. Lo facciamo adesso, non perché siamo ultimi in classifica e non abbiamo più niente da chiedere al campionato, ma perché vogliamo uscire in silenzio e senza i clamori mediatici e giornalistici, che potrebbero seguire a qualche nostra azione che non avrebbe niente a che vedere col calcio. Abbiamo fatto di tutto, per onorare e non falsare il campionato, ma i nostri sforzi sono stati ripagati con delle vere e proprie prese per i fondelli. La pazienza ha un limite, e noi questo limite l'abbiamo raggiunto e vogliamo fermarci. Sono 2 anni, che subiamo continui torti arbitrali, ma quello che è successo domenica è veramente assurdo. Abbiamo assistito a una lezione di come si “aggiusta” una partita ormai chiusa e vinta meritatamente da noi e che in 6 minuti (cfr. 2 + 4 di recupero) si ribalta con la concessione di 2 reti irregolari (...molto...) agli avversari, che hanno portato a casa, in anticipo, il regalo Pasquale. E' già da un po' di tempo, che vengono mandati ad arbitrare le nostre partite, dei mocciosi o delle mocciose, che forse devono farsi le ossa, ma che rischiano fortemente di rompersele le ossa. E' questo il motivo, che ci induce a dire basta. L'ASD VOLTURINO, vuole essere ricordata dagli amici molisani, non per fatti incresciosi, ma per le belle pagine di sport, scritte negli anni passati, come la vittoria di fila dei campionati di 3 e 2 categoria o la vittoria della Molise Cup, davanti a cornici di pubblico da fare invidia alle serie superiori. Già lo scorso anno, abbiamo avuto i primi segnali, di intolleranza nei nostri confronti, con la squalifica di 1 anno e mezzo al nostro Mister e a 2 nostri calciatori, che non hanno avuto modo di difendersi dalle accuse, del tutto inventate, portate a referto da tal arbitro Gizzone di Isernia, anche avendo prove testimoniali a loro difesa (cfr. non accettate in sede di Appello e non considerate nel ricorso alla Procura Federale). In quest'ultimo campionato, solo per ricordare gli episodi, delle ultime domeniche, anche i nostri avversari, hanno riconosciuto e confermato agli arbitri gli errori commessi, risultato.... punti agli avversari e mosche in mano a noi... impedendoci in questo modo, di alimentare, anche forse inutilmente, le speranze di una salvezza impossibile. A questo punto, diciamo basta, perché non possiamo rischiare che qualcuno possa commettere qualche atto violento nei confronti di ragazzini incapaci, che hanno la sola colpa di essere mandati e di essere difesi, a volte avallando o suggerendo bugie, da qualcuno che è più incapace di loro. Non è questo il calcio che piace a noi. Non è questo il calcio che vogliamo far vivere ai nostri giovanissimi tesserati. Non è questo il calcio che ha un futuro.

E' doveroso, ringraziare, il Presidente Piero DI CRISTINZI e i suoi collaboratori, per averci accolto nel Comitato Regionale Molise e averci trattato sempre col dovuto rispetto, cosa che pensiamo di aver giustamente ricambiato, così come è doveroso ringraziare i Presidenti, i Dirigenti e calciatori di tutte squadre che negli anni abbiamo incontrato e che ci hanno sempre manifestato la loro simpatia e la loro amicizia. Con stima e profondo affetto.

Il Presidente

Domenico Tartaglia

ASD Volturino 

Celestino Ieronimo