Calciomercato LIVE

Campobasso, la vittoria del cuore! Varsi affonda la Vastese

Felicità rossoblu Ph. M. Silla
Felicità rossoblu Ph. M. Silla

Una rete di Varsi, al minuto ottantadue, ha permesso al Campobasso di avere ragione della Vastese e tornare alla vittoria dopo due mesi, non succedeva dal 17 febbraio 4-2 al San Nicolò. E’ stata la vittoria del cuore, ottenuta con i denti, le unghie da una squadra determinata e concentrata. Minadeo, tra tante difficoltà, non ha sbagliato nulla, scegliendo bene sia gli undici titolari sia i cambi, soprattutto quello tra Fagnani e Palange. La Vastese? La formazione abruzzese, alla seconda sconfitta consecutiva, ha dato l‘impressione di non credere più in se stessa, giocando una gara sotto tono, ben lontana dagli standard conosciuti.

Cronaca - Minadeo è costretto a fare la conta per trovare undici titolari. Scelte quasi obbligate le sue, che deve fare a meno degli squalificati Capozzi, Danucci, Del Duca e Kargbo e degli infortunati Gerardi, Amabile e Benvenga. A sorpresa, l’allenatore rossoblu presenta Del Prete al centro della difesa in coppia con Gomes Ferreira. I due risulteranno tra i migliori.  

Colavitto, allenatore della Vastese, rispetto alla gara di domenica scorsa contro il Francavilla, preferisce Cherillo a Tedesco, mentre è costretto a rinunciare a Bittaye per un affaticamento muscolare.

Si gioca in una giornata di sole con poco più di 400 spettatori. Assenti, per protesta, i tifosi ospiti.

Partono in avanti gli abruzzesi che nei primi cinque minuti si fanno vedere dalle parti di Landi, anche se non creano pericoli. E’ di Varsi, al 10’ la prima conclusione degna di nota, il tiro del calciatore napoletano si spegne sul fondo di un niente. Al 12’, piove sul bagnato in casa rossoblu perché Minadeo è costretto a sostituire Riberio con Esposito Lauri. Il brasiliano colpito duro da Pizzutelli, è costretto a uscire in barella. Al 16’ splendido lancio di Pizzutelli per Leonetti che calcia sull’esterno della rete da buona posizione. Poco dopo Marzano, servito da Varsi, è fermato in angolo dai difensori avversari.

Al 32’ Campobasso vicinissimo al vantaggio: contropiede orchestrato da Varsi, che serve Strianese, il difensore entra in area e da posizione defilata scheggia la traversa. I tifosi apprezzano e incitano a gran voce i loro beniamini. Il finale di tempo si chiude con gli ospiti in attacco: al 39’, a Leonetti e Stivaletta non riesce la deviazione sotto porta su un cross di Cherillo. Due minuti dopo Landi para in due tempi un tiro di Pizzutelli dai trenta metri. Sempre Landi, al 43’ è costretto a deviare in angolo un bolide di Stivaletta dai 25 metri. Si va al riposo sullo 0-0.

Al 5’ della ripresa Minadeo decide di sostituire Palange con Fagnani con il chiaro intento di dare più velocità alla manovra d’attacco. La mossa si rivelerà azzeccatissima, perchè il giovane attaccante rossoblu, con la sua vivacità, creerà diversi grattacapi alla difesa ospite. Al 9’ ci prova Cherillo, palla che termina sul fondo. Al 15’, il neo entrato Fagnani, servito in contropiede da Balistreri, entra in area e calcia debolmente tra le braccia di Camerlengo. Al 25’ dopo un malore accusato dall’assistente numero due Ruocco di Ercolano, l’arbitro sarà costretto a sostituire, secondo il regolamento, entrambi gli assistenti con due tesserati di parte. La gara riprende dopo nove minuti di stop ed è Esposito Lauri su azione di calcio d’angolo a riprendere le ostilità.

Colavitto opera il primo cambio richiamando in panchina Cherillo per Tedesco. Quattro minuti dopo il Campobasso passa: Fagnani subisce fallo da Amelio poco fuori dell’aria di rigore, punizione per il Campobasso e ammonizione per il difensore ospite. Alla battuta va Varsi che buca la barriera e supera Camerlengo alla sua destra. Esplode il Romagnoli, i tifosi ci credono e incitano i ragazzi al grido di  “Lupi, Lupi”.  Il Campobasso potrebbe addirittura raddoppiare poco dopo: Iarocci intercetta con un braccio un colpo di testa di Balistreri, per l’arbitro ci sono gli estremi per il calcio di rigore. Alla battuta si presenta lo stesso numero nove, che si fa respingere la conclusione da Camerlengo, al quarto rigore parato in stagione.

Colavitto corre ai ripari inserendo prima Lucciarini per Pizzutelli e poco dopo Alberico al posto di De Chiara. La Vastese si butta in avanti. Al 41’ Tedesco di testa costringe Landi alla parata a terra. Finale di gara intenso. L’arbitro assegna 9’ minuti di recupero, quando il cronometro segna il 95’. Il Campobasso stringe i denti. Al 51’, il rasoterra di Menna su punizione è facile preda di Camerlengo, sessanta secondi dopo Balistreri, liberato in area, si fa anticipare dal suo diretto avversario. Negli ultimi minuti, il  protagonista è il numero uno Landi, prima respinge il colpo di testa di Alberigo, anticipando anche Leonetti e proprio sul gong salva la vittoria respingendo la conclusione a botta sicura di Lucciarini.

Al triplice fischio del direttore di gara arriva l’ovazione dei tifosi rossoblu per questa prestazione tutta cuore. La squadra festeggia al centro del campo unita in un unico abbraccio una vittoria meritata e fondamentale, certo un po’ sofferta, ma anche per questo bellissima.

IL TABELLINO DEL MATCH

LA CLASSIFICA

Celestino Ieronimo