Il Campobasso crolla in casa: 0-3 Forlì, contestato Mandragora

Squadra contestata Ph. Maurizio Silla
Squadra contestata Ph. Maurizio Silla

Il Campobasso crolla contro il Forlì, perdendo 0-3 in casa al termine di una prestazione disastrosa. Non ci sono tanti altri aggettivi per descrivere la gara dei rossoblù. Squadra molle, senza idee, oltremodo frastornata dal vantaggio di Ambrosini dopo meno di un quarto d’ora. Un ko che obbliga a una riflessione profonda giocatori, allenatore e società. . I romagnoli, considerati da molti come l’anti Cesena, hanno confermato di avere tutte le qualità per insidiare i bianconeri di Angelini.

CRONACA - Mandragora schiera dal primo minuto il senegalese Diop. Spinelli sostituisce l’infortunato Tommasini. Rispetto alla formazione che mercoledì ha pareggiato contro il Pineto, Campedelli schiera dal primo minuto Mazzotti, Graziani e Cortesi in luogo di Prati, Castellani e Sabbioni.

Dalle prime battute si comprende subito quale sarà il canovaccio del match: Forlì padrone del gioco e Campobasso in difficoltà, incapace di trovare le giuste contromisure allo strapotere tecnico e tattico dei rivali.

LA GARA - La prima occasione da gol è sui piedi di Cortesi, ma la sua conclusione si spegne sul fondo. Il vantaggio biancorosso arriva al minuto 11' su calcio di rigore accordato dal sig. Scatena di Avezzano per un fallo di D’Orsi su Ambrosini. Sul dischetto si presenta lo stesso attaccante che fa 0-1. Ci si aspetta la reazione del Campobasso ma sono sempre gli ospiti a fare la gara. Ambrosini è in giornata positiva, al 18’ con un’azione personale e al 23’ con un tiro dalla distanza tiene sugli scudi la difesa rossoblù. Al 25’ annullato un gol a Improta perché al momento del passaggio di Da Dalt la palla esce dal rettangolo di gioco, vanificando il tutto.

Giacobbe cerca il terzo gol consecutivo con un tiro dalla distanza, palla sulla traversa. Al 32’ Sposito tiene in vita i suoi opponendosi alla conclusione di Graziani liberatosi con una bella azione sulla destra.

Mandragora decide di rischiare Branicki, in non perfette condizioni inserendolo al posto di D’Orsi.

E’ invece il Forlì a collezionare un’altra palla gol con Graziani che trova sulla strada del raddoppio prima la parata di Sposito, e poi la deviazione di Da Dalt sulla linea.

La ripresa si apre con i tifosi chiedono alla squadra una reazione. L’incitamento sembra aver sortito l’effetto sperato al 2’ quando Improta, servito sul filo del fuorigioco, entra in area e tutto solo davanti a Mordenti, di sinistro colpisce il palo.  

Campedelli richiama i suoi a una maggiore attenzione e pochi minuti dopo gli ospiti raddoppiano: Cortesi entra in area palla al piede e di sinistro trafigge Sposito.  

Minchillo sostituisce Branicki, ma perché rischiarlo?  E poco dopo, in successione, Mandragora sostituisce anche D’Angelo con Del Prete, Seck e Spinelli con Antonelli e Progna, tre difensori!

Il Forlì però continua a controllare la gara  a piacimento e a creare pericoli. Tonelli al 60' e al 64’ sfiora il gol, in entrambe le occasioni ci vuole tutta la bravura di Sposito per evitare la terza rete ospite che arriva otto minuti dopo ancora con Ambrosini, destro dal limite, che fulmina il portiere di casa. Non domi, i romagnoli vanno vicino al quarto gol con Graziani che non riesce a ribadire in rete una respinta del palo su tiro di Sabbioni. Il Forlì capisce che non è il caso di infierire e si concede gli ultimi minuti di accademia. Il Campobasso avrebbe l’occasione di realizzare il gol della bandiera su calcio di rigore accordato dall’arbitro per un fallo subito da Progna. Improta, lo sbaglia calciando sulla traversa a suggellare una domenica da dimenticare.

Finisce con una sconfitta meritata suggellata dai fischi con i quali i tifosi rossoblù accompagnano il ritorno dei calciatori negli spogliatoi. Tifosi che al termine della gara hanno contestato squadra e soprattutto l’allenatore, finito sul banco degli imputati dopo la disastrosa prova di oggi che sancisce la terza sconfitta in quattro gare.

Celestino Ieronimo

Leggi altre notizie:CITTà DI CAMPOBASSO FORLì